Home / Cibo per tutti? / L’ACQUISTO E L’IGIENE DI FRUTTA E VERDURA

L’ACQUISTO E L’IGIENE DI FRUTTA E VERDURA

La frutta. Freschissima d’estate è un piacere. La cerchiamo nei suoi colori e sapori. Ma dove la compriamo abitualmente?

Ci fidiamo dei luoghi al chiuso o dei punti vendita aperti sulle strade? Ormai è un proliferare di negozi che vendono frutta esposta praticamente sulle vie di percorrenza delle macchine. Proprio là dove le auto emettono i loro buoni gas di scarico. la vendita  on the street è lecita? Dobbiamo ricordare che già la Cassazione ha stabilito nel 2014 che il commercio di frutta all’aperto esposta ad agenti inquinanti è una violazione dell’obbligo di assicurare la giusta conservazione alimentare degli alimenti. I gas di scarico sono nocivi. Così la legge punisce, con l’arresto o con l’ammenda, l’impiego nella produzione, la vendita, la detenzione per la vendita, la somministrazione, o comunque la distribuzione per il consumo, di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione. E la strada è un cattivo luogo di conservazione.

Senza le garanzie igieniche e pur mancando le prove di un danno alla salute, la vendita di frutta e verdure in prossimità di una strada è vietato e sanzionato in maniera severa. Ed è sufficiente una semplicissima testimonianza della presenza di casette di frutta o verdura a contatto con gli agenti atmosferici e gas di scarico di veicoli in transito per far scattare l’ammenda.
Il consiglio è pertanto di acquistare frutta e verdure lontano dai locali che si affacciano sulla strada piena di macchine.
Il luogo al chiuso è sempre preferibile. Assicura maggior igiene alla conservazione della frutta e verdura.
Fateci caso.

Ancora. In negozi dove la frutta e la verdura vengono lavorate, fate attenzione all’igiene. Non sempre viene garantita. Dove non non si trova un laboratorio adatto alla lavorazione della frutta, dove non vengono utilizzati i guanti, dove il personale e è improvvisato,  cercate un altro negozio.

Spesso manca il rispetto per le  norme igienico sanitarie, carenze strutturali e mancanza di allaccio all’acqua potabile delle condotte idriche comunali. Alcuni titolari  depositano la frutta e la verdura in locali fatiscenti e sporchi, che non riuniscono le caratteristiche previste dalle vigenti normative sulla sicurezza alimentare, mettendo in vista oltretutto le merci al di fuori dei locali commerciali, direttamente sulla pubblica via con alto rischio di  inquinamento dei prodotti ortofrutticoli.

Si parla spesso di risparmio, ma rivolgersi a negozi dove la frutta e verdura costano pochissimo, non garantisce nulla . I locali devono seguire le normative previste, altrimenti quello che acquistiamo non è un affare, ma un danno alla nostra salute.
Fateci sempre caso.

 

Guarda Anche

CONSUMI: GIRO AFFARI BIO A 5,8 MLD, +263% IN 10 ANNI

Sale a 5,8 miliardi di giro di affari del biologico, tra consumi nazionali ed esportazioni, …