Home / Gli Artigiani Pro Carni / A FREGENE IL MACELLAIO ‘ “ULTIMO DEI MOHICANI”

A FREGENE IL MACELLAIO ‘ “ULTIMO DEI MOHICANI”

Lorenzo D’Angelantonio è un professionista con un’esperienza quarantennale nel settore della macelleria.
La sua attività è in zona Fregene, Via Cervia 174. In collaborazione con l’associazione Artigiani delle Carni incontriamo un professionista e con la grande passione per il suo lavoro- Ama i rapporti diretti con la sua clientela . Il futuro? D’angelantonio è un nostalgico della macelleria di una volta e dalla forte tradizione :  si definisce così l’ultimo dei mohicani. Andiamo a conoscerlo.

Cosa le piace del suo lavoro di macellaio
“Fondamentalmente la creatività che si può esprimere in maniera manuale con un materiale apparentemente inerme
come la carne. E poi il contatto con le persone con le quali spesso si è riusciti a creare un rapporto che va oltre quello
strettamente professionale”
Quali carni lavorate preferibilmente ?
“Soprattutto carni di qualità. Sembra una risposta ovvia ma poi tanto scontata non è.
Ecco quindi che la carne bovina e quella che proviene dai pascoli dell’Austria o del trentino, scottona, cioè femmina
che non ha partorito, di buon grasso, sovente appartenente alla razza Simmental (pezzata rossa friulana o similare)
Idem col maiale nazionale o i polli di Fileni, azienda avicola marchigiana, o per quel che riguarda i salumi di Levoni da
Castellucchio di Mantova.”

Qual è il rapporto con la clientela e concorrenza con la g.d.o.
“Detto del rapporto di conoscenza con la quasi totalità di chi compra nel nostro negozio dove io lavoro dal 1972, e di
come in questi anni non si è mai realizzato un rapporto solo professionale con i clienti, certifico che qualità e servizio
sono elementi che possono fare la differenza nel nostro caso. Basti pensare ai prodotti pronti da cuocere che ancora
hanno un ampio spazio di crescita nelle nostre piccole botteghe artigianali e che sono apprezzati anche in virtù della
fiducia che a chi li compra nei confronti di chi li propone.
Quali sono stati i  cambiamenti dopo la pandemia per voi?
“Ci è rimasta dentro un’ansia e una paura del futuro che sarà molto difficile cancellare.
Dal punto di vista lavorativo, invece, la conferma di ciò che pensavo da tempo:
La concorrenza ai negozi di vicinato non la fanno i supermercati, che semmai si fanno la “guerra” tra di loro, ma le
tante possibilità di mangiare fuori casa (risto-pizzerie, bar, pub e similia). Con la gente costretta in casa sia per il
coprifuoco imposto che per il lavoro da remoto, si è tornato ad apprezzare cibo squisito ma che ha bisogno di tempo
per essere cucinato e nobilitato. Vale soprattutto per la carne chiaramente.”

Potete registrare uno sviluppo di  vendite online e consegne a domicilio?
“Io, che nasco “maschietto di bottega” deputato proprio alle consegne ho continuato a farlo con piacere anche adesso
che ho superato i 60 anni. Ma molto nel piccolo delle mie possibilità, trattandosi della mia macelleria come vero
esempio di ditta a conduzione individuale per lo più.
Una cosa buona è che tramite il telefono, e le varie piattaforme di messaggeria, sono riuscito a gestire gli ordini
evitando alla maggior parte delle persone di fare la fila davanti al negozio”
Per voi cosa significa é aderire all’associazione Artigiani della carni?
“In primo luogo perché la proposta è partita dal Co.ri.de, l’associazione che conosci da più di 40 anni. Poi per spirito di
appartenenza al mondo di chi lavora in questo settore spesso bistrattato ma essenziale ancora oggi come un secolo
fa a sopperire ai fabbisogni delle famiglie. In ultimo per avere informazioni sulle tante novità che ci riguardano in
tempo reale”
Qual è il futuro della macelleria ?
“Beh, anche per ciò che ho già detto, più che altro temo che il futuro delle vendite del nostro settore si svolgerà
soprattutto in rete. Con una spersonalizzazione del rapporto cliente-macellaio che a chi ha i capelli bianchi come me non può fare
piacere. Però questa è la realtà con la quale ci dobbiamo confrontare ed è perfettamente inutile se non dannoso continuare a
pensare di essere un po’ . . . l’ultimo dei mohicani e ostinarsi a rifiutare di guardare a un futuro che oramai, purtroppo o per fortuna, è già
presente.

In collaborazione con l’Associazione Artigiani delle Carni

Guarda Anche

Hamburger, grande passione italiana anche a domicilio

Continua su Cibodoro.it la collaborazione con gli Artigiani delle Carni. Un’associazione che riunisce i macellai …