Home / Sicurezza Alimentare / DIFESA DEL MADE IN ITALY IN GIAPPONE

DIFESA DEL MADE IN ITALY IN GIAPPONE

Il Consorzio Tutela Formaggio Asiago ha ottenuto dalle autorità l’immediato ritiro di un prodotto che evocava impropriamente la denominazione Asiago. E’ questa, in assoluto, la prima volta che si procede al ritiro, in una fiera giapponese, di un prodotto che viola il diritto alla tutela garantito dall’entrata in vigore, lo scorso primo febbraio, dell’accordo di partenariato economico tra il Giappone e l’Unione Europea.

Nell’arco di poche ore, funzionari del Ministero dell’Agricoltura, Foreste e Pesca giapponese hanno accolto la richiesta del Consorzio Tutela Formaggio Asiago e provveduto a far ritirare il prodotto evocativo esposto in uno stand statunitense pur senza godere del diritto di essere commercializzato in Giappone.

“Quest’azione, – afferma il Presidente del Consorzio Tutela Formaggio Asiago, Fiorenzo Rigoni – frutto del sistema di vigilanza puntale del Consorzio e dell’ottima collaborazione avviata con le autorità giapponesi dimostra concretamente gli effetti dei negoziati e offre a tutti i nostri soci la certezza di poter cogliere, in un contesto di piena tutela, il grande interesse che la proposta di valore gastronomico e culturale contenuta nel formaggio Asiago Dop, grande espressione del Made in Italy, riscuote in questo Paese”.

Guarda Anche

RISTORAZIONE ETNICA: I CONTROLLI DEL NAS

Diversi NAS in tutta Italia in questi giorni sono impegnati in controlli nel settore della …