Home / Artigiani del Gusto / CINEMA&DRINK: LA MALA EDUCACION DI ROBERTO ARTUSIO

CINEMA&DRINK: LA MALA EDUCACION DI ROBERTO ARTUSIO

Cinema e Drink. La  rubrica per Cibodoro.it di Carlo Dutto allarga ancora gli orizzonti della mixology.  La sua passione e  preparazione lo porta a pubblicare ricette di cocktail di barman e barlady  che si sono ispirati ai film del cinema italiano di successo.
Drink ispirati a un amore, a una emozione, ma anche a un oggetto, ai luoghi del cuore e a un film amato. 

Carlo Dutto opera un percorso fantastico con la storia del grande cinema: pellicole che hanno ispirato l’uso di tutti gli ingredienti presenti nel mercato, ricette coniugate con cognac, tequila, whisky scozzese, irlandese, bourbon americani del Kentucky, vermouth piemontese, gin inglesi, romani e toscani, amari e bitter, ma anche vodka, ginger beer e liquore Strega, per una nuova ‘geografia cinematografica del bere di qualità’. Preparazioni semplici e meno semplici, da gustare nei loro ingredienti di qualità, ricette create ad hoc da barman e barlady cinefili per sperimentare sé stessi dietro il bancone con un occhio al Grande Cinema.

Andiamo a scoprire il nuovo drink di questa settimana.

DRINK: LA MALA EDUCACIÓN
(ispirato al film “ 
La Mala Educación”, di Pedro Almodóvar, 2004)

BARMAN: Roberto Artusio de La Punta Expendio de Agave di Roma

INGREDIENTI:

50 ml mezcal Los Siete Misterios Doba-Yej
10 ml liquore Rabarbaro Quaglia
20 ml sciroppo d’agave
10 ml succo di pompelmo
20 ml succo di lime
10 ml albume d’uovo
5 gocce di Habanero bitter

Bicchiere: coppetta

PREPARAZIONE:
Con la tecnica dello shake and strain, versare tutti gli ingredienti in uno shaker, shakerare vigorosamente e versare, filtrando, in una coppetta ghiacciata.

ISPIRAZIONE:
La Mala Educatión, la maleducazione: pessima educazione, modo di comportarsi, azioni, atti, non adeguati alle regole del buon comportamento. Ma anche atti reazionari, rottura delle barriere e degli schemi socialmente condivisi, l’essere contro e muoversi in direzione ostinata e contraria. Esattamente come fanno Ignacio ed Enrique, i protagonisti del film di Almodovar che, per tutta la durata della loro vita filmica, sono da una parte esposti ad un pessima educazione per mano di cattivi maestri, e dall’altra sono i detonatori di una serie di esperienze maleducate e sovversive. L’ispirazione del drink parte proprio da qui, dalla volontà di creare qualcosa che rompa le gabbie della convenzione. Non a caso è un twist su un sour: si parte dal mezcal Los Siete Misterios Doba-Yej, affumicato e fumoso come l’infanzia in collegio dei due protagonisti. L’aggiunta di un cordiale creato quasi d’istinto con rabarbaro, che con le sue note amaricanti di corteccia ricorda la ruvidità di padre Manolo e con lo sciroppo d’agave che, con la sua dolcezza, sottolinea invece la tenerezza dell’acerbo rapporto d’amore tra Ignacio ed Enrique. Lime e pompelmo rosa in combinazione per regalare acidità e complessità e una piccola dose di bianco d’uovo per regalare setosità e texture al drink. A chiudere, un tocco di piccante, come molte scene del film. Cinque gocce di habanero bitters infuse sulla superficie del drink, secondo una geometria precisa: quattro a rappresentare gli angoli di un quadrato, una gabbia o una stanza da cui scappare e una al centro a impersonificare un uomo rinchiuso. Il cliente bevendolo romperà questo schema prestabilito esattamente come i due giovani compagni del film hanno spezzato pregiudizi e abitudini sociali. “Penso che perdo la fede in questo momento. E se non ho fede non credo né in Dio né nell’inferno. E se non credo nell’inferno io non ho paura. E se non ho paura sono capace di fare qualsiasi cosa”. Anche di vivere una vita secondo le regole di una Mala Educatión.

Guarda Anche

LINEA VERDE: COLDIRETTI, “SPOT” GRANO CANADA OFFENDE 300MILA AZIENDE

Servizio a favore della pasta svizzera tradisce impegno Rai Uno per Made in Italy E’ …