Home / Artigiani del Gusto / L’anguria: un frutto rinfrescante e delizioso

L’anguria: un frutto rinfrescante e delizioso

Mi chiamo Caterina Saccone e sono una Biologa Nutrizionista.
Il mio lavoro è anche la mia passione, credo fermamente che il cibo non sia solo un insieme di nutrienti, il
cibo è cultura, il cibo è tradizione ma soprattutto il cibo è vita. 

Per vivere bene è indispensabile conoscere quello che mangiamo, la consapevolezza ci rende liberi di scegliere quello che è meglio per noi. Nel mio piccolo cercherò di stupirvi e di guidarvi nel magico mondo degli alimenti.
https://instagram.com/nutrizionista.informa?igshid=1fujkwrpfl7o8
caterinasaccone.bio@gmail.com

L’anguria: un frutto rinfrescante e delizioso

L’anguria è tra i frutti preferiti dell’estate, fresco e zuccherino, piace a grandi e piccini.

E’ costituita per oltre il 90% d’acqua, qualità che la rende un ottimo rimedio contro la disidratazione.

E’ depurante, aiuta il fegato ed è anche afrodisiaca.

E’ ricca di vitamine come la A e la C, potente antiossidante che aiuta a prevenire i danni cellulari causati dai radicali liberi e minerali come potassio e magnesio.

Il licopene in essa contenuto, oltre a conferire il tipico colore rosso, vanta anche degli effetti antitumorali per lo più a carico dell’apparato digerente. Numerosi studi suggeriscono inoltre che il licopene può aiutare ad abbassare il colesterolo e la pressione sanguigna, oltre a ridurre la rigidità e lo spessore delle pareti delle arterie.

L’anguria contiene anche citrullina, un amminoacido che oltre a ridurre i dolori muscolari è capace di aumentare i livelli di ossido nitrico nel corpo. L’ossido nitrico aiuta i vasi sanguigni ad espandersi, fattore che contribuisce ulteriormente ad abbassare la pressione sanguigna.

Aiuta a mantenere gli occhi sani e a prevenire alcune patologie come la degenerazione maculare senile.

Le due vitamine principalmente contenute nell’anguria, la A e la C, sono importanti per la salute di pelle e capelli.

La vitamina C infatti aiuta il corpo a produrre collagene, una proteina capace di mantenere la pelle elastica e i capelli forti.

Mentre la vitamina A contribuisce al rigeneramento cellulare. Un’ insufficiente assunzione  di vitamina A  può contribuire a rendere la pelle secca e squamosa.

Inoltre l’alta percentuale di acqua contenuta in questo frutto lo rende utile a favorire la motilità intestinale attivando la digestione.

Ma quanta consumarne?

Molto spesso però non si sa bene quale sia la porzione giusta di anguria da mangiare, è si un frutto dalle innumerevoli qualità ma è anche un alimento molto ricco di zuccheri da dosare con cura nel caso in cui si stia seguendo una dieta dimagrante o se si è affetti da patologie come il diabete dove è importante monitorare i livelli di zucchero nel sangue.

La porzione dipende da caso a caso ma diciamo che può variare tra i 250 ed i 400g.

Il consiglio per poter gustare un’anguria dolce e matura al punto giusto, è quello di sceglierne una dalla buccia ben tesa e non avvizzita. La base invece dovrebbe essere di un colore giallo crema, se è bianco o verdastro significa che il frutto probabilmente è stato raccolto prematuramente.

 

 

Guarda Anche

CAMPOLI: LA PRIMA GOCCIA DELLA CULTURA GATRONOMICA ITALIANA

Fabio Campoli. Lo Chef “rinascimentale” che inventa e innova la cucina, sviluppando sempre nuove idee …