Home / La Scelta del Cibo / La Carne di Alessandro a Torino e La carne di Giuseppe a Napoli / PROSCIUTTO SAN DANIELE CRESCE DEL 35% GRAZIE AGLI ACCORDI DI LIBERO SCAMBIO

PROSCIUTTO SAN DANIELE CRESCE DEL 35% GRAZIE AGLI ACCORDI DI LIBERO SCAMBIO

Grazie agli accordi di libero scambio, risultati soddisfacenti per tutto l’export nel primo semestre 2018 del prosciutto San Daniele.

 A partire dal mese di settembre 2017, infatti, il Consorzio ha registrato dati positivi per quanto riguarda l’export in Canada, con un +35% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, oltre a un incremento del numero delle aziende esportatrici.

Con l’avvio dell’accordo Ceta, Comprehensive Economic and Trade Agreement, il Prosciutto di San Daniele ha difeso benissimo il prodotto DOP esportando con gli identificativi giusti ed esatti . Senza l’introduzione dell’accordo CETA il prosicutto San Daniele era “costretto” ad identificarsi in Canada solo come “Autentico Prosciutto Italiano”

In generale, l’export cresce  del +2,7% rispetto allo stesso periodo del 2017, con un’incidenza del 19% sul totale delle vendite.

A ulteriore conferma degli effetti positivi dell’entrata in vigore dei trattati internazionali di libero scambio, nel primo semestre 2018 la quota delle esportazioni di Prosciutto di San Daniele verso i paesi dell’Unione Europea vale circa il 55% e verso i paesi extra-comunitari circa il 45%, in controtendenza con quanto registrato nello stesso periodo del 2017.

Anche per quanto riguarda il mercato italiano, il primo semestre del 2018 ha registrato dati positivi, con un +5% sul numero di cosce avviate alla produzione, pari a 1.408.069 unità, rispetto allo stesso periodo del 2017.  “L’entrata in vigore del Ceta e in generale di altri accordi che regolano il libero commercio tra paesi, costituisce un vantaggio positivo non solo per la DOP friulana, ma per l’intero sistema economico e dei prodotti dell’agroalimentare italiano, dando la possibilità di essere presenti nei diversi mercati e in modo tutelato – afferma Mario Emilio Cichetti, direttore del Consorzio del Prosciutto di San Daniele –. Queste opportunità permettono inoltre di contrastare con sempre più efficacia i prodotti imitazione e l’Italian sounding, in tutto il mondo”.

mtm – 4717

Guarda Anche

Lotta allo spreco nei ristoranti: l’iniziativa del Fipe e Comieco

Arrivano i rimpiattini in più di mille ristoranti in Italia. Di fronte alla percentuale che …